cause perdite dati – guasto firmware

Il firmware è un software interno dell’hard disk necessario al corretto funzionamento dello stesso.

Wikipedia lo definisce così:

Il firmware è un programma, inteso come sequenza di istruzioni, integrato direttamente in un componente elettronico nel senso più vasto del termine (integrati, schede elettroniche, periferiche). Lo scopo del programma è quello di avviare il componente stesso e consentirgli di interagire con altri componenti tramite l’implementazione di protocolli di comunicazione o interfacce di programmazione.

Quando si parla di firmware per una scheda elettronica (come una scheda di espansione per computer) questo generalmente trova posto all’interno di una memoria ROM o flash. Quando invece il firmware è integrato all’interno di un processore (come ad esempio il Pentium 4) in italiano viene detto anche microcodice.

Il termine deriva dall’unione di “firm” (stabile) e “ware” (componente), indica che il programma non è immediatamente modificabile dall’utente finale e che si tratta del punto di incontro fra componenti logiche e fisiche, ossia fra hardware e software.

Il firmware forse più conosciuto in ambito informatico (anche ai non addetti ai lavori) è quello della scheda madre, chiamato comunemente BIOS e responsabile del corretto avvio del computer, ma quasi sempre sono dotati di proprio firmware anche i singoli componenti di un computer, come dischi fissi, lettori o masterizzatori di CD e DVD, schede di espansione in genere.

Questo software può ovviamente corrompersi, oppure può danneggiarsi il chip su cui si trova, o la superfice magnetica dei piatti su cui è stato registrato. Il firmware viene infatti salvato sulla scheda elettronica nella maggiorparte dei casi oppure in una parte dedicata dei piatti.

Nel caso in cui il firmware si guasti, è necessario rinoculare questo software, per far si che il disco ritorni ad essere operativo e sia possibile il recupero dati.

 

 

 

cause perdite dati – guasto firmwareultima modifica: 2009-06-16T19:46:49+02:00da paoltaia
Reposta per primo quest’articolo